I 5 migliori tipi di frutta secca da gustare


La frutta secca è generalmente ricca di sostanze nutritive, fibre e acidi grassi.

La ricerca sostiene che le persone che hanno un alto rischio di infarto possono ridurre al minimo questo rischio includendo la frutta secca nella propria dieta.

Mangiare frutta secca può mitigare anche il livello di infiammazione correlato alle malattie cardiache. Inoltre, contiene anche proteine ​​che fanno bene alla salute cardiaca.

La frutta secca rappresenta quindi uno spuntino perfetto per una dieta a misura di cuore.

 

I 5 migliori tipi di frutta secca con cui fare uno spuntino:

NOCI PECAN

Le noci pecan contengono una grande varietà di elementi nutritivi benefici, tra cui degli antiossidanti, e possono aiutare a ridurre il colesterolo LDL "cattivo"; svolgono anche un ruolo importante nel ridurre il rischio di malattie cardiache perché presentano un'abbondanza di grassi "buoni" sani per il cuore.

 

MANDORLE

Le mandorle contengono una serie di importanti nutrienti che possono aiutare a ridurre i fattori di rischio delle malattie cardiache e del diabete.

I ricercatori, infatti, hanno scoperto che mangiare mandorle può mantenere sani i vasi sanguigni, riducendo in questo modo il rischio di malattie cardiache. Inoltre aumentano significativamente il numero di antiossidanti e riducono la pressione sanguigna.

 

MACADAMIA

Le noci di macadamia sono ricche di grassi monoinsaturi, fondamentali per ridurre al minimo i livelli di colesterolo normale e "cattivo". Queste noci contengono in particolare minerali e vitamine utili per migliorare la salute cardiaca.

 

NOCI

Le noci sono un'ottima fonte di grassi omega-3 ALA (acido alfa linolenico) e di molti altri nutrienti. Aiutano a mantenere sani i livelli di colesterolo e a diminuire la pressione sanguigna, due dei principali fattori di rischio per le malattie cardiache.

 

NOCCIOLE

Come molta altra frutta secca, le nocciole sembrano avere effetti benefici sui fattori di rischio di malattie cardiache, diminuendo i livelli di colesterolo lipoproteico a bassa densità, che è legato a problemi cardiaci.